Skip to content

L'Italia attacca la Grecia nel 1940


Il 28 ottobre del ’40 l’esercito italiano, muovendo dall’Albania, attaccò improvvisamente la Grecia, soprattutto per regioni di concorrenza alla Germania. L’offensiva italiana si scontrò con una resistenza più dura del previsto e ripiegò in difensiva in territorio albanese. Ciò provocò in Italia una diffusa crisi di sfiducia anche per i contemporanei insuccessi in Africa. Nel dicembre ’40 gli inglesi erano passati al contrattacco, per evitare la definitiva cacciata dalla Libia, Mussolini fu costretto ad accettare l’aiuto dalla Germania; ma intanto l’Africa orientale italiana stava cadendo nelle mani degli inglesi. Nell’aprile ’41 la Jugoslavia e la Grecia, attaccate simultaneamente da truppe tedesche ed italiane, furono rapidamente travolte mentre gli inglesi si ritiravano. A questo punto restava aperto il solo fronte nord africano, ma Hitler non aveva più rivali in Europa. La Germania poteva così concentrare il grosso delle sue forze verso l’obiettivo più ambito: l’URSS.

Tratto da PICCOLO BIGNAMI DI STORIA CONTEMPORANEA di Marco Cappuccini
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: