Skip to content

MODELLI ANIMALI PER LA SCHIZOFRENIA


Test PPI -> utilizzato recentemente in modelli animali di schizofrenia.

Il deficit di PPI può essere indotto in roditori normali da recettori antagonisti di NMDA o anfetamine e possono essere alleviati da antagonisti D2 in diversi modelli animali di schizofrenia.

I deficit PPI sono documentati in molti individui affetti da schizofrenia, ma non sono specifici.

PPI può contribuire alla creazione di validità, ma non completare il caso.

Procedura della Pre-Pulse Inibition: il roditore è posto in una piccola camera ed esposto a un breve impulso di rumore.

Viene misurata la risposta allo stimolo acustico forte.
Se prima io produco uno pre-pulse, cioè uno stimolo acustico più breve, il topo successivamente allo stimolo acustico più forte reagisce con minore attivazione.
Questa inibizione è relativamente assente nei pazienti schizofrenici.
La ridotta capacità di filtrare la stimolazione uditiva irrilevante può essere conseguenza di disattenzione, distraibilità e deficit cognitivi.

Deficit dell'inibizione manifestano l'impossibilità di filtrare le informazioni non necessarie.

I topi schizofrenici reagiscono diversamente a causa del sistema dopaminergico che innerva la corteccia prefrontale e gli interneuroni inibitori della corteccia prefrontale.

Questi ultimi controllano l'attività di molte strutture coattive per affrontare un problema; studi sull'uomo non validi perchè vengono fatti post-mortem dopo anni di antipsicotici.
La schizofrenia è difficile da studiare con modelli animali, si studiano gli endofenotipi.


Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: