Skip to content

Tema della continuità aziendale


Il revisore deve valutare se esiste un fondato dubbio circa la capacità dell’azienda a permanere in normali condizioni di funzionamento (going concern), per un ragionevole periodo di tempo (convenzionalmente un anno dalla data di bilancio). Se ha un dubbio riguardo alla continuità deve porre specifiche procedure per dissiparlo (ottenendo informazioni riguardo ai piani degli amministratori volti a risolvere i problemi relativi alla continuità: ad esempio progetti di dismissione dei cespiti o di aumento del CS).

Quando il presupposto della continuità aziendale è soggetto a molteplici significative incertezze, il revisore può concludere, in casi estremi, di non essere in grado di esprimere il proprio giudizio sul bilancio nel suo complesso, anche qualora il revisore abbia ottenuto sufficienti ed appropriate evidenze di revisione relative alle singole incertezze

Responsive image

→ Se il problema relativo alla continuità è esposto in bilancio in modo adeguato può dare un giudizio positivo con richiami (paragrafo esplicativo) o impossibilità di esprimere un giudizio.

Responsive image

Responsive image


Tratto da REVISIONE AZIENDALE AVANZATO di Mattia Fontana
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.