Skip to content

Rimediazione. Realtà virtuale e intelligenza artificiale


Come il world wide web esemplifica nel modo migliore la logica dell’ipermediazione, così la realtà virtuale è l’esempio più chiaro di logica dell’immediatezza trasparente. La realtà virtuale è diventata la metafora culturale dell’ideale della perfetta mediazione. E di conseguenza anche gli altri mezzi di comunicazione cominciano ad allinearsi agli standard posti dalla realtà virtuale.
AI : Intelligenza artificiale. Paradigma del computer come manipolatore di simboli.
VR : Realtà virtuale. Paradigma del computer come motore grafico.
Se negli anni ’50 e ’60 AI ha trasformato il pc da semplice macchina per il calcolo a processore di simboli, la VR sta oggi convertendo il pc in un processore di percezioni.
La VR funziona seguendo la logica della trasparenza.
L’immediatezza della VR proviene dall’illusione dell’immersione tridimensionale e dalla capacità d’interazione. La VR non potrebbe esistere senza il cinema, la tv e altri media perché non ci sarebbero paramentri per giudicare le sue modalità di mediazione.
Speranze dei Cyberentusiasti: che la VR possa scomparire per dare allo spettatore le stesse emozioni che proverebbe nel mondo reale.
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.