Skip to content

Valore fenomenologico


Eliminando qualsiasi rapporto coi soggetti l’oggetto è uno spazio aperto a molteplici valori potenziali, solo quando incontra un soggetto si configura e diventa l’”altrove” che ne media il rapporto che il soggetto ha con sé stesso. Il valore dell’oggetto è dato dall’investimento datogli dal soggetto che pensa a sé stesso. Il valore attribuito all’oggetto non è solo differenziale dato dalla componente tassica, ma anche fissato nell’oggetto in relazione col soggetto, la proiezione timica dell’oggetto per il soggetto (l’oggetto di valore ha valore per lui). Nella relazione soggetto/oggetto il soggetto è tale perché desideroso di oggetto, tende verso di esso. I funghi per Marcovaldo sono un “altrove” che media il rapporto di lui con sé stesso (Greimas).
Tratto da SEMIOTICA DELLA PUBBLICITÀ di Priscilla Cavalieri
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro