Skip to content

Giambattista Vico – Alcune “degnità”


Degnità sta qui per assioma. L'assioma richiede da parte sua concentrazione e brevità, ma si direbbe che in questi di Vico, come di regola in lui, la sintesi è composta con l'espressività, quale si rivela subito almeno nei seguenti fenomeni:

- Sintagmi o lessemi di carattere elativo: vigorosissima, vivida all'eccesso, potentemente, oscenissimi.
- Le coppie, anche puramente sinonimiche, con effetto dilatativo, come il famoso animo perturbato e commosso, di passioni e d'affetti, uomini selvaggi e crudi, feroce libertà bestiale, dissoluti e corrotti.
- Insistenti anticipi dell'aggettivo: ostinato studio dell'arte, dell'umano piacere.
- Le formume che avviano le conclusioni degli assiomi, tutte inizianti con Questa degnità.

Analizziamo adesso le particolarità dei singoli capitoletti, a partire dal 50. Al paragrafo 211 notiamo l'anticipo, caratteristico di Vico, del termine focale, fanciulli, e la costruzione in forza della quale in termini chiave del ragionamento sono tutti in fine di frase, quasi similiter cadentes: ...memoria; … fantasia, … memoria o dilatata o composta; ma con ampliamento in forma di crescendo del membro finale. E infine, con costruzione circolare, fanciullo è l'ultima parola del brano, come fanciulli ne era la prima. È ovvio osservare il parallelismo, cardine del pensiero vichiano, fra età dell'uomo ed età storiche.
Al capitolo 51 ricorre, accentata per tre volte, l'opposizione arte – natura.
Anche al capitolo 52 i fanciulli, focus del discorso, sono in prima posizione, ma d'altra parte ogni frase termina simmetricamente con un verbo, la seconda volta anche in rima: imitare, assembrare, apprendere. Per il resto parola chiave è imitare – zione e non è inutile osservare che il preromantico Vico assume senz'altro la teoria aristotelica e classicistica dell'arte come mimesi.
Il primo paragrafo del capitolo 53 è costruito in una forma triadica e progressiva che in qualche misura può ricordare il sillogismo, ma che qui accompagna la scansione della storia umana per tempi ideali e l'idea cara al filosofo – contro il suo tempo – della storicità e non staticità della stessa natura dell'uomo, il tutto espresso con mirabile concisione e forza, che si trasferisce anche alle distinzioni sinonimiche: sentire vs avvertire, perturbato e commosso.
La lingua per Vico è una conquista progressiva.

Tratto da STORIA DELLA LINGUA ITALIANA di Gherardo Fabretti
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

La società aperta nel difficile cammino della modernità

Appunti sul libro di Rocco Pezzimenti "La società aperta nel difficile cammino della modernità". Viene analizzata l'evoluzione della società aperta nella filosofia di Hume, Gucciardini, Burke, Croce...