Skip to content

La produzione musicale di Carl Weber

La produzione musicale di Carl Weber


Carl Maria Friedrich Ernst Von Weber nasce nel 1786 vicino Lubecca e fu l’alfiere di un nuovo ideale operistico ispirato ai valori più profondi della cultura romantica germanica. Fu una personalità complessa, nella quale convissero la vecchia figura del compositore di opere di circostanza destinate ad un determinato ambiente sociale, e l’artista culturalmente consapevole, interprete dei nuovi ideali romantici. Weber è il fondatore, per certi aspetti, di uno stile musicale nazionale tedesco, oltre ad essere un espertissimo virtuoso del pianoforte e uno dei primi direttori d’orchestra in senso moderno. Weber riteneva che peculiare dello spirito del teatro musicale tedesco dovesse essere una concezione unitaria dell’opera, in maniera tale che le arti di essa convergessero in una prospettiva unificata, totale. Come si vede, è già in Weber la poetica che sarà poi di Wagner.
Il suo primo capolavoro è il Franco Cacciatore, che rappresenta la prima grande trasposizione musicale degli ideali espressivi del romanticismo germanico. In esso il lied vi gioca un ruolo fondamentale, così come la nuova concezione del suono, visto come magico strumento di suggestione. Forte è per Weber l’interesse per l’esotico, il pittoresco, il caratteristico, il cavalleresco, il fantastico, il fiabesco, il bizzarro. Tutta l’opera si basa sulla contrapposizione tra luce e tenebre, tra vita della foresta e potenze oscure; contrapposizione tradotta musicalmente con scelte tonali e coloristiche nitidamente individuate.
Abbiamo poi l’Euryanthe, che affronta il problema di una rifondazione della struttura operistica, che non si basi più sul popolareggiante Singspiel ma su una sintesi, di forte segno nazionalistico, ispirata dall’esperienza drammatica europea.
L’Oberon è il suo ultimo capolavoro operistico, composto nel 1825. E’ l’apoteosi romantica del fantastico, del magico e del pittoresco.
Tratto da STORIA DELLA MUSICA di Gherardo Fabretti
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: