Skip to content

ALTRI TRATTATI


Austria – Trattato di Saint Germain (sett.1919)
L’Austria perde un bel po’ di territori: cede un pezzo di Polonia, di Jugoslavia, di Cecoslovacchia, un po’ dà pure all’Italia. Complessibìvamente: nasce uno stato macrocefalo: Austria molto piccola con capitale l’enorme Vienna. L’Austria viene anche danneggiata economicamente. Da ricordare il divieto all’Anschluss.
Italia – Trattato di Rapallo
L’Italia era entrata in guerra grazie al patto segreto di Londra (ministro Sonnino) in cambio di Alto-Adige, Trieste, Istria, Dalmazia; ma NON chiesero Fiume;  cioè crea un dibattito e Wilson si infuria perché innanzitutto il patto di Londra essendo segreto veniva condannato dagli Usa che non erano coinvolti; in secondo luogo molte richieste italiane violavano il principio di sovranità. Nonostante ciò accettano paradossalmente di concedere all’Italia l’Alto-Adige, in quanto il nuovo confine garantisce stabilità. Sul confine orientale invece, non transige;  Sonnino e Orlando fanno scenate e per protesta se ne vanno, cercando di ottenere il consenso del popolo italiano. La questione viene lasciata a Italia e Jugoslavia;  il trattato di Rapallo assegna Trieste all’Italia, l’Istria e un pezzo di Dalmazia. Fiume alla Società delle Nazioni;  tutto sommato, un successo;  grazie al fatto che Francia e Gb se ne fregano e grazie agli sforzi di Sforza (ah ah), che aveva la tatticona di cercare il sostegno delle grandi potenze.
Bulgaria – Trattato di Neuilly
Perde dei territori, ma tra gli sconfitti è quella che ci smena di meno.
Ungheria
L’ultimo trattato ad essere firmato a causa di un’insurrezione comunista che allunga i tempi. Perdita di numerosi territori magiari;  ciò alimenta il revisionismo. Perde un pezzo di Cecoslovacchia (la Slovacchia), cede dei territori alla Jugoslavia, perde la Transilvania. Ancora una volta violato il principio di autodeterminazione.
Perché vengono creati nuovi stati in violazione del principio di autodeterminazione? ;  cordone sanitario contro comunisti, gli stati vicini alla Russia non devono essere né troppo piccoli né troppo grandi. Ma il sistema di Versailles è intrinsecamente debole e lacunoso nel complesso.
Tutta la storia del dopoguerra è la storia delle cause della Seconda Guerra Mondiale e dell’erosione del sistema di Versailles (e nel Pacifico del sistema di Washington, creato a seguito della conferenza di Washington).
Tratto da STORIA DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI di Alice Lavinia Oppizzi
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.