Skip to content

L'iconografia di Schlosser


Schlosser invece aveva abbandonato le letture formalistiche riegliane, presentando accanto all'opera in sé il contesto storico culturale nel quale essa si manifesta, commentata con ampie esplorazioni e riflessioni puntate verso differenti sfere della vita culturale: musica, filosofia, scienza, religione. Con Schlosser l'opera d'arte termina di essere un fatto isolato da considerarsi solo sotto il profilo dell'evoluzione storico formale; diventa un oggetto più complesso, che vive in uno spazio storico più articolato. L'arte non sarà astratto contenuto, pensava, ma non è nemmeno pura forma, che è astratta anch'essa. L'arte è forma articolata in linguaggio.
Elemento portante di questo nuovo modo di approcciarsi all'oggetto d'arte, storico e antiformalista, è l'iconografia. L'iconografia non è intesa da Schlosser nel senso tradizionale della parola, classificatorio, ma in senso ricognitivo. Individuare e ricostruire miti e favole collettive, viventi e operanti in una società, diverse e intrecciantisi, che caratterizzano una situazione e un'epoca e ne determinano area e periodo. Tempo dopo Schlosser definì più puntualmente i suoi studi di iconografia comparata come saggi di “storia del linguaggio”, come a sottolineare  il significato attivo e comunicante, non meramente schematico ed ereditario, della iconografia, considerata alla stregua di quello che in linguistica viene definita espressione collettiva.
Tratto da STORIA E CRITICA D'ARTE di Gherardo Fabretti
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.