Skip to content

Ruolo degli arti inferiori


Il mantenimento dell’ equilibrio in posizione eretta e le reazioni posturali automatiche, dipende molto da quello che è il corretto funzionamento degli arti inferiori, e infatti secondo alcuni studiosi, le reazioni posturali automatiche seguono tre strategie quali:
• Strategia della caviglia, la quale si serve del gastrocnemio in caso di squilibrio anteriori, e del tibiale anteriore in caso di squilibri posteriori.
Se lo squilibrio posturale è troppo elevato per tale sistema, allora verranno coinvolti gli atri due che spiegheremo di seguito;
• Strategia dell'anca, essa si attua nel controllo posturale su superfici strette o in movimento;
• Strategia del passo, si verifica quando viene applicata una forza di squilibrio improvvisa e quindi si richiede di allungare il pacco (come quando si inciampa).

I muscoli fondamentali per il controllo del centro di gravità in posizione eretta sono:
• Anteriormente: i muscoli addominali, quadricipite femorale e il tibiale anteriore;
• Posteriormente: i muscoli paravertebrali, i glutei, gli ischiocrurali e il gastrocnemio.

Una riduzione del tono dei muscoli dell’arto inferiori, associati ad una ridotta mobilità articolare, ne limita il reclutamento delle strategie dell’anca e del passo, e quindi è sempre necessario rinforzare e riequilibrare tale regione anatomica.

Il rinforzo dei glutei è importante per il mantenimento della posizione eretta sia in condizioni statiche che dinamiche e il corretto funzionamento dei muscoli e delle articolazioni che vanno dal piede al bacino, sono importanti per poter garantire al nostro corpo un corretto equilibrio posturale.

La scelta della posizione di partenza dipende da quelle che sono le reali capacità del soggetto che deve aver acquisito un buon controllo segmentario della parte superiore del corpo, con maggiore riferimento alla regione lombare, dorsale e del bacino, e un corretto assetto dei rapporti delle articolazioni della caviglia e del ginocchio.

Tratto da TEORIA TECNICA DIDATTICA ATTIVITÀ MOTORIA di Vincenzo Sorgente
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Teoria Tecnica Didattica Età Evolutiva

Il Corso prevede la conoscenza delle principali modificazioni funzionali nelle diverse età; la programmazione dell'attività motorie nelle diverse età; come preservare e sviluppare l' efficienza fisica nell'invecchiamento fisiologico o patologico.