Skip to content

Il processo di decisione nell'acquisto non programmato

In molte circostanze l'acquisto viene effettuato in modo impulsivo, rapido e improvviso.
Secondo Rook è determinato dal bisogno di comprare qualcosa nell'immediato e non considerarne le conseguenze; Dalli e Romani attribuiscono ad esso forze che inducono il consumatore a sentirsi come calamitato dal prodotto.
I consumatori impulsivi non hanno un piano di spesa regolato, sono + aperti a possibilità ad effettuare compere impreviste, sono meno riflessivi e maggiormente esposti all'attrazione emozionale.
Si lasciano trascinare da eccitazione, sensazione di trovarsi nel luogo giusto al momento giusto, emozioni positive o negative.
Nei casi + estremi il soggetto avverte un vero e proprio bisogno di appagamento immediato che Levy definisce "consumer spasm".
La max parte delle persone, cede al desiderio repentino di comprare, solo dopo aver valutato l'adeguatezza dell'acquisto in base alla disponibilità economica, alla situazione, al giudizio degli altri ecc..quindi effettuando delle "normative evaluation"  e moderando il grado di impulsività.
Infine anche variabili ambientali possono indurre a fare una spesa non preventivata soprattutto se giocano con i cinque sensi umani, per esempio con la possibilità di testare il prodotto.
In conclusione si può affermare che alcune persone siano più predisposte di altre agli acquisti impulsivi.
di Priscilla Cavalieri
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.