Skip to content

Eziologia dei disturbi dell'alimentazione

Fattori genetici: sia bulimia che anoressia presentano familiarità, predisposizione genetica.
Fattori neurobiologici: l'ipotalamo non sembra coinvolto; bassi livelli di oppiacei endogeni si osservano in soggetti con bulimia, ma non prima dell'esordio del disturbo. Quindi, i fattori neurobiologici non spiegano alcune fondamentali caratteristiche di questi disturbi.
Fattori socioculturali: giocano un ruolo in questi disturbi. L'importanza attribuita alla magrezza, le diete protratte e gli sforzi per stare a dieta precedono lo sviluppo dei disturbi dell'alimentazione. L'ossessione culturale della magrezza, espressa dai media è coinvolta nello sviluppo di questi disturbi. Le donne hanno più probabilità di avere un disturbo dell'alimentazione (in particolare, le donne bianche presentano più comunemente questi disturbi).
Prospettiva psicodinamica: la causa fondamentale di questi disturbi va cercata in un rapporto genitore-figlio disturbato, in un bisogno profondo
Personalità e disturbi dell'alimentazione: le caratteristiche della personalità risultate predittive di un'alimentazione disturbata nel corso di 3 anni comprendono insoddisfazione per il proprio corpo, una scarsa consapevolezza interocettiva (misura in cui le persone riescono a distinguere differenti stati biologici del proprio corpo) e una propensione a esperire emozioni negative.
Caratteristiche delle famiglie: famiglie che presentano fusionalità (funzione di contenimento), iperprotettività, rigidità e mancata soluzione dei conflitti interni, hanno più probabilità di scontrarsi con disturbi dell'alimentazione.
Abusi nell'infanzia: non sono fattori di rischio specifici per i disturbi dell'alimentazione.
Prospettiva cognitivo-comportamentale: insoddisfazione per il proprio corpo e preoccupazione per la magrezza sono fattori predittivi di restrizioni alimentari, e poi di episodi di alimentazione incontrollata.
di Alessio Bellato
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.