Skip to content

Traumi cranici ed emorragie: emorragie intracraniche

Distinguiamo:
- emorragia epidurale: interessa il piano tra l’osso e il periostio; una delle cause principali è la frattura lineare del cranio, che lede i vasi sottostanti; in base alla sede si possono distinguere altri tipi di emorragia intracranica:
- emorragia subdurale: causata da fattori quali: primiparità, età avanzata della madre, elevato peso alla nascita, canale del parto piccolo, travaglio precipitoso o prolungato; si possono avere raccolte emorragiche: nella fossa cranica posteriore o nella scissura cerebrale longitudinale. Possono comparire crisi convulsive, per la presenza concomitante di sangue negli spazi subaracnoidei; se la diagnosi e l’eventuale intervento chirurgico sono tempestivi, la sopravvivenza è > all’80%;
- emorragia subaracnoidea: si definisce “secondaria” quando è dovuta all’estensione di un ematoma intracerebrale o di un’emorragia subdurale o intraventricolare; “primaria” quando il sanguinamento ha origine da strutture dello spazio subaracnoideo, la raccolta ematica si localizza, in genere, sopra la convessità cerebrale e in fossa cranica posteriore; la prognosi dipende dall’entità dell’emorragia; ma in genere è favorevole;
- emorragia intracerebellare: può essere “primitiva” o “secondaria” all’espansione di emorragie intraventricolari o subaracnoidee, in entrambi i casi è più frequente nel pretermine; nel nato a termine è spesso conseguenza di un parto traumatico, per applicazione del forcipe o estrazione podalica (il feto alla nascita si presenta con i piedi e non con la testa). L’esordio clinico, nel prematuro si ha a poche ore dalla nascita, nel nato a termine, i segni clinici possono comparire anche diversi giorni dopo la nascita;
- emorragia intraventricolare: è localizzata a livello del solco talamo-caudato, in cui la matrice germinativa scompare per ultima. La prognosi è strettamente correlata all’eziologia e all’eventuale concomitante danno parenchimale.
di Anna Battista
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.