Skip to content

Aggiornamento del codice alla moderna realtà socio-culturale: l. 269/98 sfruttamento sessuale dei minori

Con tale legge il legislatore ha inteso colpire l’odioso fenomeno della mercificazione professionalmente organizzata del sesso minorile, sia con riguardo alle prestazioni sessuali a pagamento (prostituzione), sia con riguardo alle prestazioni di contenuto erotico (pornografia).
Ciò in quanto tali condotte possono irrimediabilmente intaccare l’armonico sviluppo della personalità del minore, lasciandovi tracce spesso indelebili.
Il quadro delle incriminazioni sui reati di prostituzione minorile è composto da:
- induzione, favoreggiamento e sfruttamento;
- organizzazione di viaggi finalizzati alla fruizione dell’attività prostitutiva minorile;
- tratta o commercio di minori finalizzati all’istradamento prostitutivo;
- fruizione delle prestazioni sessuali a pagamento del minore avente un’età compresa tra i 14 e i 16 anni.
Il quadro delle incriminazioni sui reati di pornografia minorile è composto da:
- confezionamento del prodotto;
- commercializzazione del prodotto;
- diffusione-pubblicazione, anche via internet, del prodotto;
- disponibilità da parte del consumatore finale.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.