Skip to content

Analisi del testo pubblicitario: l’Enunciazione

Analizzando il ruolo del testo pubblicitario nella comunicazione lo si pone sull’asse comunicativo dell’enunciazione, si analizza il modo in cui il rapporto comunicativo viene riflesso o simulato o deformato nei testi. I testi mediante l’oggettivazione (debrayage o distacco) si allontanano dall’enunciatore e dall’enunciatario, esistono indipendentemente da chi li ha prodotti e da colui a cui sono indirizzati, cioè una volta che sono prodotti diventano davvero pubblici (pubblicità) a disposizione di chiunque ne sia alla portata (si può fraintenderla, copiarla, ignorarla, odiarla). Mediante effetti di embrayage i testi producono effetti di realtà, passioni ecc. l’embrayage è quello che collega il testo al fruitore, può essere una firma, un autoritratto in pittura, una presentazione prima di un dialogo, uno sguardo fisso nella cinepresa del presentatore; ma anche il nickname in chat, lo pseudonimo di uno scrittore e la firma di un falsario sono strumenti di embrayage.
La semiotica ha ritrovato dentro il testo i simulacri della comunicazione per esempio le coppie destinante-destinatario nello schema attanziale di Greimas e di quella autore modello-lettore modello nell’analisi di Eco e nella simulazione più o meno virtuale del modello di “comunicazione audiovisiva” di Bettetini. Si evince uno schema funzionale: E1-->[E2-->(E3-->D3)-->D2-->]D1
emittente empirico E1 rappresentato da un emittente delegato E2 come per il destinatario (es. una società E1 presentata sotto forma di una marca E2 cerca di identificare il suo target D2 che non coincide con gli acquirenti reali del prodotto e neppure con gli spettatori dello spot D1). Il loro rapporto è rappresentato da comunicatori funzionali di diverso ordine (es. il venditore coi due fustini nello spot del dixan o le entità magiche come Mastro Lindo E3 che consigliano la casalinga D3).
di Priscilla Cavalieri
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.