Skip to content

Apparato digerente: archi branchiali

Nelle restanti porzioni caudali dell’intestino faringeo si sviluppa la faringe. In questa porzione compaiono degli ammassi di mesoderma che formano gli ARCHI BRANCHIALI  (6 paia) ognuno dei quali presenta una componente vascolare, una muscolare, una cartilaginea e una nervosa. Gli archi branchiali formano numerosi organi tra cui: 
La componente cartilaginea del 1° arco branchiale forma la cartilagine di Meckel da cui si sviluppano la mandibola e anche i primi due ossicini dell’udito (martello e incudine). La componente muscolare forma i muscoli mimici; la componente nervosa, il nervo trigemino.
Dal 2° arco branchiale si origina la staffa, il processo stiloideo del temporale e i piccoli corni dell’osso ioide, i muscoli pellicciai e il nervo facciale.
Dal 3° arco si sviluppano i grandi corni e il corpo dell’osso ioide, i muscoli sottoioidei e il nervo glossofaringeo.
Gli archi branchiali sono divisi da evaginazioni dell’intestino faringeo che sono le TASCHE BRANCHIALI a cui corrispondono esternamente i SOLCHI dell’ectoderma. Anche le tasche branchiali originano importanti formazioni: cavità timpanica, membrana timpanica, tuba uditiva, tonsilla palatina, ghiandole paratiroidi e timo.
I solchi sono destinati a scomparire tranne il primo che forma il meato acustico interno. In corrispondenza del 2° arco branchiale si forma un invaginazione destinata a scomparire chiamata seno cervicale; se il 2° solco non si oblitera può capitare che rimangano residui del seno cervicale che possono creare una fistole che provoca la fuoriuscita di liquido mucosa (e poi pus in seguito ad infezione) dalla regione laterale del collo. Il seno può riempirsi di liquido e può formare delle cisti nella regione laterale del collo. 

Inferiormente all’ultimo arco branchiale si trova la doccia tracheobronchiale da cui si sviluppano le vie aeree e i polmoni. 

di Luca Sciarabba
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.