Skip to content

Autonomia patrimoniale

Autonomia patrimoniale → il patrimonio della persona giuridica è separato dal patrimonio dei singoli soci

Se la persona giuridica viene utilizzata esclusivamente per godere dell’autonomia patrimoniale al fine di sfuggire alle proprie responsabilità (es. per sottrarsi alla responsabilità illimitata per non pagare i debiti) o per lucrare vantaggi indebiti (es. per godere di agevolazioni) bisogna disapplicare la distinzione.
È possibile costituire rapporti giuridici tra singoli individui e la persona giuridica (es. contratto di lavoro). Anche le società di persone hanno un certo grado di autonomia patrimoniale (vedi indicatori di autonomia sotto)

INDICATORI DELL’AUTONOMIA
- I creditori del singolo socio non possono aggredire direttamente i beni della società, e i creditori della società non possono aggredire direttamente i beni del singolo socio
- Il conferimento rappresenta un passaggio di proprietà, quindi si applicano le norme sulla vendita
- Il socio può disporre dei beni sociali solo secondo le regole dell’ordinamento interno (nella comproprietà invece può fare quello che vuole)
- Limiti alla trasferibilità della quota sociale (es. se Tizio muore e i suoi eredi non vogliono essere soci, gli altri soci devono liquidare la quota agli eredi o sciogliere la società)
- Rappresentanza unitaria dei soci in giudizio → tutti i soci che hanno la rappresentanza della società la rappresentano in giudizio
Questi benefici sono stati estesi anche alle associazioni non riconosciute (che non hanno personalità giuridica) e ai comitati (forme di aggregazione senza scopo di lucro)
di Fabio Merenda
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.