Skip to content

Channel Management: definizione della strategia distributiva

L’impresa deve lavorare su 2 dimensioni:

- Dimensione verticale del canale → numerosità di stadi (canale diretto, indiretto breve, indiretto lungo) e canali (monocanale, multicanale)
Stadi = step che permettono di portare il prodotto dal produttore al consumatore finale
Canale diretto: ↑costi fissi e rischio eco-fin ma anche ↑controllo

- Dimensione orizzontale del canale → numerosità degli sbocchi/formule distributive (monosbocco, multisbocco) e numerosità degli intermediari (distribuzione intensiva, selettiva, esclusiva)
Sbocchi = punti di contatto con il consumatore finale
Basta che un canale abbia almeno 2 sbocchi per avere una strategia multisbocco, quindi una strategia può essere multicanale e monosbocco (es. canale diretto solo tramite internet + canale indiretto breve solo tramite esselunga)

Distribuzione intensiva = la maggior parte dei punti vendita che trattano la categoria
Distribuzione selettiva = solo alcuni punti vendita
Distribuzione esclusiva = un solo punto vendita in una determinata area geografica

di Fabio Merenda
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.