Skip to content

Definizione di colori sintetici

Passaggio dai colori a olio a quelli sintetici. I colori ad olio ingialliscono con il tempo, tempi di asciugatura lunghi. Problemi inesistenti con i COLORI SINTETICI (1930) che si presentano brillanti e non ingialliscono con il tempo. Quatro classi di resine sintetiche usate come leganti: la nitrocellulosa, la resina alchilica, il polivinilacetato e la resina acrilica. La colorazione delle miscele sintetiche può avvenire con pigmenti tradizionali o artificiali. Negli anni 50 si diffondono smalti industriali metallizzati cioè colorati con polvere metallica con forte potere coprente, resi celebri da Frank Stella. Nel secondo dopoguerra varietà di supporti: tele di cotone olona (Pollock) e denim (Albers nei suoi omaggi al quadrato). Anche le preparazioni si trasformano, dagli anni 50 prevalgono mestiche a base di resine alchiliche modificate con olio e colorate con bianco titanio. Si diffondono anche i colori fluorescenti ( anni ‘50 America).
di Alessia Muliere
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.