Skip to content

Definizione di filosofia e filologia in Vico


Ora ciò che Vico intende per filologia va oltre lo studio dell’origine linguistica di un popolo, ma riguarda anche la loro economia, il diritto, la politica. Per questo motivo egli scava in profondità soprattutto nella lingua “volgare” che, per quanto ambigua, secondo Vico è lo specchio della civiltà che si esprime attraverso di essa. È attraverso lo studio della lingua che secondo Vico possono essere messi in luce “fatti” che in nessun altro modo potrebbero essere “scovati”, pervenendo ad un alto grado di certezza. Ma affinché la storia diventi “scienza” si deve passare dall’accertamento all’inveramento ossia i fatti devono essere spiegati casualmente: deve essere scoperte, afferma Vico, la legge eterna che determina, in ogni tempo, le vicende di tutte le nazioni. Di questo si occupa la filosofia. Nasce però il dubbio che lo storico possa conoscere attraverso la filosofia tali leggi, dal momento che non ne è l’autore. Ma Vico a questo proposito sostiene che la legge eterna disciplina i corsi storici, dal momento che è identica per ogni tempo e nazione e per lo più essa è omogenea alle leggi che regolano l’evoluzione della mente degli individui. Tutto ciò che accade e che è il frutto dell’agire umano secondo Vico coincide con lo schema che la stessa provvidenza ha imposto alle facoltà mentali di ciascuno. Studiando allora queste ultime attraverso la filologia, lo storico è in grado poi di spiegare i materiali della ricerca filologica attraverso la filosofia.
La”storia ideale eterna”, legge imposta dalla provvidenza al mondo dell’uomo e fondamentale chiave esplicativa degli eventi storici, può essere dunque conosciuta solo che si rivolga l’attenzione in interiore homine. La filosofia della storia di Vico si fonda allora su una metafisica della mente.
di Carlo Cilia
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.