Skip to content

EAS (biringen)


Simile al care index, ma con delle particolarità, dal momento che si occupa delle interazioni non solo nella prima infanzia ma anche apre adolescenza ed adolescente. La biringen integra due concetti:
* Costrutto della disponibilità emotiva: definito da Emde il grado in cui ogni partner esprime le proprie emozioni ed è responsivo verso quelle dell’altro -> focus non solo su emozioni positive, ma anche negative.
* Teoria dell’attaccamento: Bowlby ha formulato l’importanza dei legami di attaccamento e la funzione del caregiver come base sicura da cui partire per l’esplorazione e tornare per essere consolato.
Vediamo più nel dettaglio i concetti della Biringen. Lei definisce la disponibilità emotiva come (vedi). Non si riferisce solo a una disponibilità del genitore di cura fisica, ma soprattutto cura effettiva, dato che incoraggia l’espressione delle emozioni del bambino. Le scale che valutano la DE fanno esplicito riferimento alle emozioni relative alla disponibilità emotiva,in termini di sintonizzazione affettiva, che costituiscono la base per la successiva acquisizione del bambino delle competenze di regolazione emotiva. Caratteristiche della scala di DE:
- Sono utilizzate sia nell’ambito di ricerca sia nella pratica clinica
- Strumento di intervento per terapisti, insegnanti, e genitori
- Sono basate sulla teoria dell’attaccamento, quindi una teoria solida che è stata verificata nel corso del tempo
- È un costrutto life-span (cioè core un’ampia fascia di età), quindi può essere usato per un range ampio di età (fino a circa 14 anni del bambino)
- Utilizzabili con qualunque tipo di figura di attaccamento adulta (madre, padre, educatore, insegnante, nonni, baby sitter)
- Valutano la connessione tra adulto e bambino, tenendo in considerazione la cultura di appartenenza e le interazioni quotidiane
Vediamo nel dettaglio come avviene la fase di strutturazione sia di codifica. Prima di tutto richiede un tempo di videoregistrazione di 15-30 minuti e può essere utilizzato in qualsiasi contesto di interazione adulto-bambino. Le scale sono 6 (4 per l’adulto e 2 per il bambino), con un punteggio che va da 1 a 7. Tutte le scale contengono solo item positive, in modo che un punteggio più alto ad ogni scala corrisponde ad una maggiore disponibilità sia di bambino che di adulto. Le scale sono:
1) Adult sensitivity: si riferisce alla capacità di connettersi emotivamente con il bambino. Ciò che è importante è l’autenticità e l’appropriatezza delle emozioni espresse dall’adulto.
2) Adult structuring: si riferisce alla strutturazione del gioco ->  valuta il modo in cui l’adulto struttura in modo appropriato l’attività di gioco del bambino (in modo che sia divertente, adeguata all’età, ma in modo anche di fornire delle regole) ->  il genitore deve essere in grado di fornire una cornice per il bambino (scaffolding).
3) Non intrusività
4) Non ostilità: è considerata più grave, nel senso che punteggi molto bassi si associano a condizioni di genitrialità particolarmente a rischio (esempio: madri molto depresse o madri adolescenti -> le madri adolescenti sono molto più ostili e punitive rispetto alle madri normali). L’ostilità può anche essere più implicita, ad esempio quando la madre mette il bambino in condizioni di pericolo.
5) Responsività del bambino: corrisponde alla sensibilità genitoriale -> sono presenti due dimensioni principali: l’affetto positivo (il bambino riesce a provare emozioni positive nel mettersi in relazione con il genitore, quindi il piacere di interagire con il caregiver) / la responsività (propensione del bambino di coinvolgersi nell’interazione con i genitori
 
Punteggi da 1 a 4 indicano una necessità di intervento (questa fascia è problematica, quindi dovrebbe essere segnalata per un intervento ), punteggi di 4 indicano un livello critico (comunque da monitorare), mentre punteggi da 5 a 7 indicano un livello ottimale (comunque è molto difficile raggiungere il livello 7, perché implica che per tutti i 15-30 minuti l’interazione sia ottimale).
Le differenze tra EAS e care-index: nel care index vengono esaminate 3 scale per l’adulto e 4 per il bambino. Esso consente una maggiore discriminazione nell’adulto (vedi). 
di Mariasole Genovesi
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.