Skip to content

Fattori determinanti le economie di scala: UTILITIES (sottoprodotti)


La maggioranza dei processi trasformativi produce beni solitamente classificati come scarti di lavorazione(c.d. utilities) i quali, non trovando incorporazione nel prodotto finale, vengono di sovente “persi” nel corso della produzione.
Esempi di tali scarti sono i residui di lavorazione – c.d. oli pesanti – nei processi di cracking dei prodotti petroliferi, oppure l’acqua calda prodotta nelle centrali termiche dopo che questa è stata impiegata nei circuiti di raffreddamento.
L’inutilizzo di tali sottoprodotti è da imputarsi, oltre che a cause di natura meramente tecnologica (utilizzo di macchinari inefficienti), a motivazioni di carattere esclusivamente economico: il problema, quindi, non è tanto quello di sviluppare delle metodologie di recupero e di utilizzo degli scarti di lavorazione (tecnicamente possibile), ma piuttosto quello di rendere tali operazioni di “ricondizionamento” economicamente convenienti.
All’aumentare della propria dimensione fisica l’impresa diviene in grado, da una parte, di sostenere economicamente (potendoli ripartire su un numero più elevato di beni finali) gli oneri connessi al recupero di tali sottoprodotti, dall’altra, di godere contemporaneamente dei benefici conseguenti all’utilizzo e alla eventuale commercializzazione degli scarti medesimi.
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Riorganizzazioni Aziendali

Appunti delle lezioni del Corso in Riorganizzazioni Aziendali del Prof. Campra - a.a. 2010/2011