Skip to content

Gli attuali membri del Consiglio

Hanno necessariamente interessi comuni di tipo conservatore → nessuno ad esempio è disposto a rinunciare al proprio seggio permanente o al diritto di veto, a una sua diluizione o limitazione. Essi godono di una posizione di forza che causa le difficoltà di riforma: sono in grado di bloccare qualsiasi revisione della Carta.
Gli Usa di Bush Senior e Clinton sembravano disponibili ad una rivitalizzazione ONU e a far entrare Germania e Giappone e altre concessioni, ma senza mai chiarire la posizione sul diritto di veto ai nuovi permanenti. Gli Usa vogliono anche limitare il numero di membri a una ventina. Sembrano ultimamente meno interessati a una riforma e sembrano ad ambire ad una modifica della Carta per una maggiore libertà nell'uso della forza.
Russia e Cina sono i più conservatori e mantengono un profilo basso nel dibattito sulla riforma. La Cina è inoltre antigiapponese e fa fatica a digerire il Giappone.
Francia e Regno Unito hanno mostrato disponibilità ad accettare Germania e Giappone. Vorrebbero soluzioni veloci prima che le richieste dell'abbandono dei seggi europei a favore di un seggio UE diventino troppo pressanti. La Francia è quindi più disponibile verso la Germania.
di Alice Lavinia Oppizzi
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.