Skip to content

I contratti dei consumatori e il codice del consumo

Si è sottolineato che il legislatore predispone in testi omogenei norme derogatorie al codice civile, il quale viene così a perdere la sua centralità come esito di un processo di decodificazione.
Da qui l’idea che il codice di diritto comune sopravviva solo come disciplina residuale.
Altri formulano la conclusione del tutto diversa, secondo la quale i codici di settore non introducono deroghe eccezionali alla disciplina del codice di diritto comune ma disposizioni complementari.
Il codice del consumo conferma questa ultima ricostruzione in una pluralità di disposizioni:
l’art. 38 c.d.c. precisa che, per quanto non è previsto nella disciplina di settore, si applica il codice civile;
l’art. 1469 bis c.c. contiene una disposizione che “rafforza la qualificazione del codice civile come regola fondamentale alla quale ricorrere quando non vi siano regole speciali derogatorie del Codice del consumo”;
l’art. 143 c.d.c. precisa che è nulla ogni disposizione in contrasto con quelle norme e che al consumatore devono essere riconosciute le condizioni minime di tutela previste in esse o in altre norme più favorevoli al consumatore;
l’art. 2 c.d.c. fissa alcuni diritti irrinunciabili per il consumatore.
Da queste norme si trae che esiste un sistema coerente di norme speciali di protezione idoneo a derogare alla disciplina generale del contratto.

di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.