Skip to content

IL POTERE PSICHIATRICO : LEZIONE DEL 30 GENNAIO 1974

IL PROBLEMA DELLA DIAGNOSI IN MEDICINA E IN PSICHIATRIA.
La crisi medica è scomparsa a causa dell’apparizione dell’anatomia patologica che dava la possibilità di rendere visibile la realtà stessa della malattia oltre che a consentire di costituire degli insiemi di segni a partire dai quali era possibile stabilire la diagnosi differenziale delle malattie. Psichiatria VS medicina:
1) Per la psichiatria il problema della diagnosi differenziale non è affatto fondamentale poiché la vera questione consiste nel sapere se si tratta di follia oppure no. Il campo differenziale all’interno del quale si esercita la diagnosi di follia è costituito dalla scansione tra ciò che è follia e ciò che non lo è: dunque entro un campo duale. Nella pratica diagnostica psichiatrica a essere in gioco è la diagnosi assoluta anziché la diagnosi differenziale.
2) La psichiatria è una “medicina” nella quale il corpo è assente. Dagli inizi dello sviluppo della psichiatria si sono cercati i correlati organici, l’ambito delle lesioni, il tipo di organo che potrebbero essere in causa in una malattia come la follia, ma a differenza della medicina ordinaria il problema era sapere se dire quelle cose, comportarsi in quella maniera, udire quelle voci fosse o meno follia.
Paralisi generale: una delle grandi forme in cui si è creduto di poter fissare stabilmente i rapporti tra la malattia mentale e l’organismo, ma alla base della paralisi generale non troviamo nessun genere di follia, solo paralisi e demenza
di Carla Callioni
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.