Skip to content

Il “da farsi” della pedagogia interculturale


La pedagogia deve invertire la tendenza ad una educazione assimilatoria trovando forme di contatto tra le diverse culture. Nel campo intra-culturale la musica ha ridotto già alcune distanze tra cultura alte e bassa ottenendo riconoscimento attraverso la forma ad esempio punk-rock.

La pedagogia vuole, in qualche modo, dire è che la contaminazione che parte da forme minori può garantire creatività intesa come l’evolversi di una cultura.

Bruner propone una versione di cultura alternativa che favorisca l’ interazione tra cultura e soggettività, ma anche un pensiero critico ed indipendente sulle visioni del mondo.
Bruner si avvicina molto all’Educazione Popolare: l’individuo non deve sapere tutto quello che c’è da sapere sulla cultura ufficiale, la sua visione autonoma permette una personale integrazione.
La forma educativa tradizionale basata su “inculcamento” e ripetizione di concetti va sostituita ad una forma che favorisca il dialogo e l’autonomia concettuale. La pedagogia deve favorire queste forme culturali “alternative” che a lungo andare mettono le basi per scardinare determinate gerarchie, supremazie ed ideologie.


di Marianna Tesoriero
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.