Skip to content

Il biancosegno nei contratti

Il biancosegno “è la firma apposta non in calce ad un testo contrattuale già scritto, ma a un foglio totalmente o parzialmente in bianco”.
Il contratto viene scritto o completato in un secondo momento “da persona diversa dal firmatario, per incarico di questo”.
Se il soggetto incaricato di “riempire” il contenuto contrattuale non rispetta i criteri stabiliti per determinare il contenuto del contratto, si devono distinguere varie ipotesi a seconda della fattispecie all’interno della quale può essere ricondotto il caso di specie.
Il biancosegno può essere utilizzato per realizzare un arbitraggio.
In questa ipotesi il lodo per biancosegno è sostanzialmente il risultato di un arbitrato irrituale, in quanto le parti conferiscono ad uno o più soggetti il mandato di determinare il contenuto di un accordo transattivo per la composizione di una controversia, mediante un regolamento da scrivere su fogli preventivamente sottoscritti in bianco dalle parti; tale regolamento è, quindi, soggetto alle regole che disciplinano il contratto di transazione.
La giurisprudenza ritiene lecita e valida l’emissione in bianco di un titolo cambiario quando vi sia un accordo per determinarne il contenuto.
Se non vengono rispettati i criteri di riempimento, la violazione può essere opposta soltanto al portatore del titolo in malafede, cioè di colui che è venuto a conoscenza dell’abuso.
Nei casi non codificati, il firmatario può impugnare il documento per errore ostativo: cioè è necessario che “l’infedeltà del testo” sia conosciuta o conoscibile dalla controparte.
Rimane salva la possibilità di agire con una azione di responsabilità nei confronti dell’autore del riempimento infedele.
Diversa è l’ipotesi in cui manca un accordo preventivo per determinare i criteri di riempimento.
Può accadere, ad esempio, che un foglio firmato in bianco venga sottratto da un soggetto che provvede a riempirlo.
Il documento non è imputabile a chi lo sottoscrive e il rimedio adeguato è quello della querela di falso.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.