Skip to content

Il costo del capitale

Il beneficio del possesso di beni capitali è il ricavo che si trae dalla loro locazione a imprese di produzione. L’impresa di locazione incassa il prezzo reale di locazione R/P per ciascuna unità di capitale che possiede e noleggia.
Il costo del possesso di beni capitali è di più complessa valutazione. Per ciascun periodo in cui cede in locazione un’unità di capitale, l’impresa di locazione sostiene 3 diversi costi:
Indebitandosi per acquistare il bene capitale che intende locare, l’impresa di locazione deve pagare gli interessi relativi. Se PK è il prezzo di acquisto di una unità di capitale e i il tasso di interesse nominale, i PK è il costo degli interessi; (il costo sussisterebbe anche se l’impresa di locazione utilizzasse risorse proprie -> costo opportunità)
Il prezzo del capitale può variare durante il periodo di locazione.
Se il prezzo del capitale diminuisce, l’impresa di locazione ci rimette perché le sue attività diminuiscono di valore;
Se aumenta, l’impresa di locazione ci guadagna perché le sue attività hanno più valore.
Perdita o guadagno ammontano a (- Δ PK) (il segno meno indica che stiamo misurando un costo  non un beneficio)
Durante il periodo di locazione, il capitale è usato e usurato. Il costo dell’uso e dell’usura è detto ammortamento se δ è il tasso di ammortamento, il valore monetario dell’ammortamento è δPK.
Il costo che l’impresa deve sostenere per cedere in locazione una unità di capitale per un periodo è perciò:
costo del capitale = iPK - Δ PK + δPK
                = PK (i- Δ PK/ PK + δ).
Il costo del capitale dipende dal prezzo del capitale, dal tasso d’interesse, dal tasso di variazione del prezzo del capitale e dal tasso di ammortamento. Ipotizziamo per semplicità che il prezzo dei beni capitali aumenti quanto il prezzo di tutti gli altri beni. In questo caso Δ PK/ PK = π (tasso d’inflazione); poiché i – π = r possiamo scrivere: costo del capitale = PK (r + δ); secondo questa equazione dipende dal prezzo del capitale, dal tasso d’interesse e dal tasso di ammortamento. Infine volendo esprimere il costo del capitale in termini relativi rispetto agli altri beni, calcoliamo il costo reale del capitale, cioè il costo di acquistare una unità di capitale in termini di unità di prodotto aggregato:
costo reale del capitale =( PK/P) (r + δ).
Secondo questa equazione il costo reale del capitale dipende dal prezzo relativo dei beni capitali PK /P, dal tasso d’interesse reale r e dal tasso di ammortamento δ.
di Alessia Chiovaro
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.