Skip to content

Il d. lgs. 198/2006: discriminazione diretta

Qualsiasi disposizione, criterio, comportamento che produca un effetto pregiudizievole discriminando lavoratrici e lavoratori in ragione del loro sesso e comunque un trattamento meno favorevole rispetto a quello di un’altra lavoratrice o di un altro lavoratore in situazione analoga.
Caratteristiche: ampiezza dei comportamenti che possono dare luogo alla discriminazione, bidirezionalità e divieto assoluto della discriminazione dove il fattore di rischio viene assunto a fondamento del comportamento discriminatorio.

di Francesca Morandi
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.