Skip to content

Il processo di industrializzazione - 1700 -


Questo sviluppo si chiama chiaramente industrializzazione. Ma prima del suo inizio c'era ancora un buon tratto di strada da percorrere. L'Europa era ancora soggetta alla sua costituzione agraria vecchia di secoli; le brevi e intense crisi agrarie e le lunghe curve dei prezzi dei cereali dominavano ancora l'andamento economico; l'andamento demografico si manteneva ancora entro i confini della demografia preindustriale; il sisema per ceti gravava ancora pesantemente sugli stati europei.
Ad un certo momento, nel primo terzo del 1700, il trend della congiuntura dei prezzi si invertì ma che manifestazioni abbia innescato è ancora oggi difficile da dirsi. Le cifre che si ottengono confrontando i prezzi del frumento e della segala tra il quarto decennio del 1700 e il primo del 1800 sono impressionanti. In Inghilterra contiamo un aumento del 250%, in Germania del 210, in Italia settentrionale del 205. E di nuovo, come nel 1500, i salari non tengono il passo, così come i prezzi dei manufatti, che restavano ugualmente bassi. Ovunque il movimento congiunturale è favorevole all'agricoltura, e in particolare alla coltivazione dei cereali.
In questo periodo viene formulata la legge del rendimento decrescente del terreno: questa legge affermava che il rendimento del terreno non cresceva più nella stessa misura dell'aumento dei costi, indipendentemente dal fatto che fossero messi a coltura terre marginali o che si lavorasse terreno già coltivato. Ne derivava che da un certo momento in poi i costi crescenti della produzione agricola potevano essere pareggiati solo rialzando i prezzi.
La storia dell'agricoltura europea è una dimostrazione evidente degli effetti della domanda. Ovunque si estendono e si intensificano le colture anche se il movimento adesso è così imponente da lasciare parlare di rivoluzione agraria e ancora oggi ci si serve di un simile concetto almeno per lo sviluppo agricolo inglese di tardo Settecento.
La rivoluzione fu comunque generale e investì non solo il campo delle attrezzature e delle tecniche ama anche quello sociale e istituzionale. Per la prima volta nella storia europea si considera l'alimentazione un problema che riguarda l'intera società e per la prima volta le regolarità del rendimento, del reddito, dello sviluppo dei prezzi, sono fatte oggetto di una feconda riflessione teorica; per la prima volta si formano in tutti i paesi associazioni agrarie che diffondono e cercano in pari tempo di trasformare in prassi politica le loro acquisizioni teoriche e per la prima volta l'agricoltura diventa sezione autonoma dell'amministrazione di uno Stato.
Per dare un'idea dei progetti e dei risultati ottenuti ricordiamo qui i diversi metodi di immissione dei terreni incolti nel processo di coltivazione: bonifiche nel Brandeburgo – Prussia; dissodamenti nelle brughiere tedesche; i prosciugamenti in Catalogna e Francia; le arginature nei Paesi Bassi. In Inghilterra le enclosures fecero passi avanti.


di Gherardo Fabretti
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.