Skip to content

Il ruolo della giurisprudenza nel sistema delle fonti

Il movimento della codificazione, con tutto il corredo di idee che si porta appresso, segna il passaggio dal diritto alla legge, e definisce il ruolo del giudice come quello di operatore di una macchina progettata da altri, dal legislatore.
La giurisprudenza, in questo contesto, non è formalmente fonte del diritto; le sentenze non hanno formalmente efficacia al di là dei casi che decidono.
La realtà è diversa.
Nessuno oggi contesterebbe seriamente il ruolo del diritto giurisprudenziale, anche se il giudice trincera la propria attività creativa dietro lo schermo della interpretazione e della concretizzazione della volontà del legislatore.
“Un codice, per quanto completo possa apparire, è a malapena entrato in vigore che mille questioni inaspettate si presentano al giudice”, che è chiamato a riempire gradualmente i vuoti che il legislatore lascia, utilizzando le tecniche ermeneutiche che questi gli propone, e le valvole di sfogo (quali le clausole generali) che consapevolmente gli offre.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.