Skip to content

Il sequestro



Il sequestro è un vincolo posto dal magistrato alla libera disponibilità di cose pertinenti al reato. Esistono tre tipi di sequestro:
1. probatorio: ha per oggetto il corpo del reato, cioè le cose sulle quali o mediante le quali il reato è stato commesso nonché le cose che ne costituiscono il prodotto, il profitto o il prezzo, e le cose pertinenti al reato necessarie per l'accertamento dei fatti;
2. preventivo: è una misura cautelare reale disposta quando vi è pericolo che la libera disponibilità di una cosa pertinente al reato possa aggravare o protrarre le conseguenze di esso ovvero agevolare la commissione di altri reati;
3. conservativo: viene effettuato allorquando vi è fondata ragione di ritenere che manchino o si disperdano le garanzie per il pagamento della pena pecuniaria, delle spese di procedimento e di ogni altra somma dovuta all'erario dello Stato.

Il sequestro come mezzo di ricerca della prova è disciplinato dagli artt. 253-265 c.p.p. e la sua durata è correlata alle necessità probatorie, ragion per cui quando non è necessario mantenere il sequestro a fini della prova, le cose sequestrate sono restituite a chi ne abbia diritto anche prima della sentenza. Dopo la sentenza non più soggetta ad impugnazione le cose sequestrate sono restituite a chi ne abbia diritto, salvo che sia disposta la confisca.
Il sequestro è disposto dall'autorità giudiziaria con decreto motivato e ad esso si procede o d'ufficio o su richiesta di eventuali soggetti come la persona offesa.
Presso i difensori e gli investigatori privati autorizzati e incaricati in relazione al procedimento, nonché presso i consulenti tecnici non si può procedere a sequestro di carte e documenti relativi all'oggetto della difesa, salvo che costituiscano corpo del reato.
Le cose sequestrate sono affidate in custodia alla cancelleria o alla segreteria e, ove ciò non sia possibile o opportuno, l'autorità giudiziaria dispone che la custodia avvenga in luogo diverso, determinando il modo e nominando un altro custode.
La restituzione delle cose sequestrate nel corso delle indagini preliminari è disposta con decreto motivato dal p.m.

di Enrica Bianchi
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.