Skip to content

Impossibilità parziale nella disciplina dei contratti

Si parla di impossibilità parziale quando una sola parte della prestazione diviene impossibile.
Ai sensi dell’art. 1464 c.c. l’altra parte ha diritto a una corrispondente riduzione della prestazione da essa dovuta, e può anche recedere dal contratto qualora non abbia un interesse apprezzabile all’adempimento parziale (interesse che deve essere valutato alla luce della clausola generale di buona fede).
È opportuno distinguere l’ipotesi in cui l’obbligazione colpita da impossibilità parziale, che ha la propria fonte in un contratto a prestazioni corrispettive, sia divisibile da quella in cui sia indivisibile.
Nel caso di obbligazioni divisibili, si pone la necessità di ripristinare il rapporto di scambio, diminuendo la corrispondente controprestazione; il creditore ha la facoltà di valutare l’utilità della residua prestazione e conseguentemente recedere.
Nelle ipotesi di obbligazioni indivisibili si tratta di stabilire se tali casi siano riconducibili alla impossibilità parziale o totale; vale a dire, se ciò che è ancora possibile prestare sia collegabile alla prestazione originariamente dovuta oppure costituisca un qualcosa di diverso rispetto alla stessa, a causa dell’evento che ne ha alterato la portata economica.

di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.