Skip to content

Impugnabilità oggettiva



È la legge che dice cosa è impugnabile e lo sono tutte le sentenze (1°, 2°, di condanna, di proscioglimento, di non luogo a procedere emanate alla fine delle indagini preliminari, sentenze ex art. 469 c.p.p., di proscioglimento pre-dibattimentale, di procedimenti speciali) tranne il caso di giudizio di cassazione.
Dalla sentenza si impugna tutta la parte penalistica, gli interessi civili, la condanna alle spese.
Talvolta le sentenze sono inappellabili (sentenze di patteggiamento) e quindi l'unica via percorribile è il ricorso in cassazione. Le sentenze di patteggiamento sono inappellabili per ragioni di economia processuale.
Esiste un altro ricorso che è l'omissio medio (art. 569 c.p.p.), con cui si va subito in cassazione saltando l'appello.
Altri provvedimenti impugnabili sono le ordinanze, naturalmente quelle in materia di libertà personale (es: carcere, arresti domiciliari, estradizione,..).
di Enrica Bianchi
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.