Skip to content

Interazioni fra i membri del gruppo

I fenomeni dinamici della vita di gruppo si attuano in seguito alle interazioni ripetute che i membri che compongono un gruppo hanno tra di loro.
Proprio queste interazioni attuano dei fenomeni dinamici che determinano chi all'interno del gruppo ricopre delle posizioni centrali e chi periferiche, quali siano le norme, chi è il leader etc.
I membri, all'interno del gruppo, non sono tutti allo stesso livello ma sono differenziati per quanto riguarda lo status di ognuno. Il concetto di status si riferisce alla posizione che un individuo occupa in un gruppo e alla valutazione di tale posizione in una scala di prestigio.
Gli indicatori principali che possono informarci sullo status dei membri di un gruppo, sono:
la tendenza a promuovere iniziative, nel senso di attività e di idee, che vengono poi continuate dal resto del gruppo. Chi ha status elevato ha questo potere più netto, e di prendere iniziative; i membri di basso status per essere propositivi devono seguire un iter obbligato, per cui la loro proposta dovrà passare attraverso i membri di status più elevato fino a raggiungere un leader che deciderà il da farsi (Whyte -> studio di un quartiere di Boston della banda della via Norton);
una valutazione consensuale del prestigio relativo ad un certo status. Nel gruppo, come osserva Sherif, c'è più accordo soprattutto per quanto riguarda le posizioni estreme, cioè quando si considerano le posizioni più elevate e quelle più basse. Gli studi di campo mostrano inoltre che quando per qualsiasi motivo succedono degli eventi che incidono sulla vita dei gruppo si possono verificare cambiamenti nella gerarchia di status, nel senso che i membri situati nelle posizioni intermedie possono avere spostamenti verso l'alto o verso il basso. I cambiamenti di status seguono una logica posizionale, per cui ad es se un membro di status elevato deve lasciare il gruppo sarà un membro di status intermedio ad assumere una posizione più elevata.
Secondo alcuni autori lo status in un gruppo si produce nel tempo, attraverso alcuni comportam quali l’aiutare il gruppo a raggiungere i propri obbiettivi, conformarsi alle regole interne, sacrificarsi in favore del gruppo, comportamenti che vengono ricompensati dal gruppo.
Il sistema di status si sviluppa inoltre molto rapidamente, addirittura nelle prime fasi di costituzione del gruppo. I teorici della CORRENTE ETOLOGICA sostengono che fin dalle prime interazioni i membri di un gruppo si misurano tra loro a partire da dati percettivi come l’apparenza, dominanza fisica. Secondo Baron lo status può basarsi anche su caratteristiche percettive particolarmente ammirate: nei gruppi che si formavano tra gli adolescenti, a scuola gli individui attraenti fisicamente ottengono spesso un alto status.
I teorici degli STATI DI ASPETTATIVA sostengono che i membri di un gruppo, formano sin dai primi incontri, un insieme di aspettative relative ai contributi che ciascuno può offrire per il raggiungimento degli obiettivi. Saranno quindi valutate quelle caratteristiche che i membri vorranno appositamente esibire (intelligenza, esperienza) o quelle immediatamente percepibili (sesso, età). Le caratteristiche personali più pertinenti al raggiungimento degli obiettivi avranno maggiore impatto sulle aspettative, e le persone a cui appartengono si vedranno assegnate posizioni di status più elevate, che sono comunque provvisorie perché richiedono conferme operative delle aspettative.
di Manuela Floris
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.