Skip to content

Interpretazione adeguadrice della giurisprudenza ordinaria: reati sessuali

Reati sessuali, ritenendone la sussistenza anche in assenza di una condotta criminale connotata da violenza e minaccia in senso stretto, ma valorizzando il semplice dissenso della vittima all’invasione della sua sfera sessuale.
Operazione certo in armonia con le indicazioni costituzionali, ma certamente lesive del principio di tassatività.
Anche in relazione alle nuove figure di violenza sessuale, la giurisprudenza ha tenuto a ribadire che ciò che conta è la mancanza di consenso della vittima.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.