Skip to content

L'estradizione attiva e passiva


Secondo la definizione che se ne può ricavare dall'art. 697,1 c.p.p., l'estradizione consiste nell'atto con il quale lo Stato in cui si trova un determinato individuo consegna quest'ultimo ad un altro Stato che ne abbia fatto richiesta per l'esecuzione di una sentenza di condanna a pena detentiva o di un altro provvedimento restrittivo della libertà personale.
L'estradizione si distingue in passiva (art. 699 c.p.p.) e attiva (art. 721 c.p.p.) a seconda che lo Stato italiano debba effettuare la consegna ovvero la richieda.
In entrambi i casi, si applica un fondamentale principio, definito di specialità, in virtù del quale la persona estradata non può essere sottoposta a restrizione della libertà personale in esecuzione di una pena o misura di sicurezza né assoggettata ad altra misura restrittiva della libertà personale per un fatto anteriore alla consegna diverso da quello per il quale l'estradizione è stata concessa.

di Enrica Bianchi
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.