Skip to content

L'indagine filosofica di Heidegger

Martin Heidegger nacque a Meskirch nel 1889 ed è l’esponente principale della filosofia dell’esistenza. Nel 1927 uscì il suo lavoro fondamentale, Essere e tempo. Lo scopo dichiarato di quest’opera è determinare in maniera adeguata il senso dell’essere. Ma, per raggiungere tale scopo occorre analizzare chi è colui che si pone la domanda sul senso dell’essere.

Nel secondo periodo della sua filosofia, Heidegger non si preoccuperà più di analizzare quell’ente che cerca vie d’accesso all’essere, ma l’essere stesso e la sua autorivelazione.

Per Heidegger, l’uomo è l’ente che si pone la domanda sul senso dell’essere. L’uomo, considerato nel suo modo di essere, è Da-sein, esser-ci, e il ci sta ad indicare il fatto che l’uomo è sempre in una situazione, gettato in essa, e in rapporto attivo nei suoi confronti.

di Domenico Valenza
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.