Skip to content

L’adolescenza

Adolescenza = periodo di transizione tra l’infanzia e la vita adulta, l’arco di tempo è piuttosto ampio e varia a seconda del soggetto. Caratteristica di questo periodo è la fase dalla pubertà che segna il passaggio della condizione fisiologica da bambino ad adulto.
Si ha una fase detta preadolescenza nella quale vengono affrontati i problemi nuovi e del tutto diversi da quelli dell’infanzia, e la fase adolescenziale nella quale si ha la maturazione delle capacità di analisi ed introspezione. Non è un fenomeno uguale a livello mondiale perché cambia a seconda della cultura che si prende in considerazione. Durante questa fase si devono affrontare dei compiti di sviluppo che indicano i diversi problemi incontrati e il fatto che in questa fase ci siano dei compiti la cui soluzione fornisce un patrimonio di risorse e consente di affrontare adeguatamente gli ostacoli successivi.
Pubertà: maturazione fisica, confronto con i coetanei, mentalizzazione del corpo (riflessione sul proprio corpo), sviluppo delle pulsioni libidiche, attenzione alle zone erogene, meccanismi di difesa (intellettualizzazione, ascetismo).
Erikson: crisi di identità
Piaget: pensiero operatorio formale e ipotetico deduttivo.
Kohlberg: il piano cognitivo pone le basi per l’agire morale, ma deve essere integrato con altro.
Relazioni familiari: individuazione (si autonomizza rispetto ai legami familiari), scontro con i genitori, ci si vuole staccare ma si ha paura, ambivalenza.
Gruppo dei pari: la relazione con i coetanei rafforza il processo di identificazione, bisogno di affiliazione e di appartenenza, relazioni eterosessuali. Si creano le vere relazioni di amicizia e le prime situazioni sentimentali.
di Adriana Morganti
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.