Skip to content

L’arte di mediare: una competenza pedagogica complessa

I mediatori, possono assumere forme diverse e giocare su livelli differenti: possono essere gli stessi contesti, i luoghi che facilitano perché disposti in un certo modo; possono essere spostate e utilizzate proprio per attraversare quel fiume; possono essere persone, gli educatori e le educatrici, la cui presenza e relazione concretamente “dà la mano”; possono essere i progetti, quelle prospettive più o meno articolate e definite che orientano le azioni; possono essere le attività, ciò che si fa; possono essere strumenti che occorre comprendere come utilizzare.
Non esiste un mediatore per eccellenza: mediatore può essere sia l’ambiente, sia ciò che in esso è contenuto. I mediatori possono essere oggetti banali e di uso quotidiano di gioco di lavoro oggetti che in una particolare situazione, assumendo significati altri da quelli convenzionalmente loro attribuiti e un valore specifico per i soggetti, permettono che accada un’esperienza.
Il mediatore connette, collega, crea dei passaggi, rende concreta la possibilità di mettere qualcosa in comune Ma traghetta anche verso qualcosa di nuovo.

di Anna Bosetti
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.