Skip to content

L’atto morale. Conoscenza e volontà

L’atto morale è tale quando l’azione è compiuta con intelligenza e volontà:
- Atto dell’uomo: compiuto da ogni uomo anche se involontariamente (atto di respirare)
- Atto umano: porta in sé tracce dell’uomo che sa intendere e volere
L’intelligenza nell’atto umano: nulla è voluto se prima non si è conosciuto
La volontà nell’atto umano: la volontà vuole qualcosa in risposta all’intelligenza che conosce questo qualcosa e lo riconosce come un bene: vedo le cose migliori ma poi seguo le peggiori.
L’atto morale e la libertà
Secondo Guido Calogero vi sono due libertà:
1. La libertà ideale che ogni sogg riempie di un contento specifico a seconda che il sogg ritenga valore o disvalore questo o quel contenuto
2. La libertà presupposto non ha in sé un contenuto specifico, ma è quella condizione per la quale il soggetto può scegliere un contenuto piuttosto che un altro. Ogni soggetto, in forza della libertà presupposto, può scegliere una libertà ideale
di Priscilla Cavalieri
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.