Skip to content

L’integrazione nel contratto

Gli artt. 1374, 1375, 1339, 1340 c.c. regolano il fenomeno dell’integrazione che è un dato costante nella vita del diritto: dal diritto romano che precisa minutamente le azioni a tutela del contraente, alla common law che è decisamente ostile ad un intervento del giudice nella correzione degli effetti programmati dalle parti, ma utilizza con ampio rilievo le implied conditions costruito dalle Corti.
Sino agli anni ’60 la dottrina italiana ha prestato poca attenzione al fenomeno dell’integrazione che invece ha attratto, negli anni successivi, le analisi di autorevoli studiosi.
Si è così ribadita ed approfondita la distinzione fra:
- una integrazione cogente che determina il rapporto nonostante la volontà delle parti;
- una integrazione suppletiva che determina il rapporto in mancanza di una diversa volontà.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.