Skip to content

L’interpretazione del contratto

Si suole distinguere una serie di criteri interpretativi di carattere soggettivo (artt. da 1362 a 1365 c.c.) volti alla ricerca della comune intenzione dei contraenti, da una serie di indici di ordine oggettivo (artt. da 1367 a 1370 c.c.) necessari per ricostruire la finalità e l’ambito della regolamento predisposto.
Fra le due serie di norme si colloca il richiamo alla buona fede (art. 1366 c.c.) e, in chiusura, i due criteri finali di ricostruzione del significato del testo (art. 1371 c.c.).
La classificazione dualista rischia di scambiare “la diversità di metodi con diversità di problemi”, mentre si tratta sempre di “intendere il testo linguistico”.
Questi tradizionali problemi devono essere ripensati nell’ambito dei contratti dei consumatori e dei contratti fra imprese.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.