Skip to content

L’utilizzo delle capacità assegnate nel trasporto ferroviario

Una volta assegnata, la capacità non può essere trasferita ad altra impresa ferroviaria: la sanzione per la violazione consiste nell’esclusione da una nuova assegnazione durante l’orario di servizio immediatamente successivo; è vietato qualsiasi genere di transazione avente oggetto tracce ferroviarie. Per garantire che un’impresa ferroviaria non richieda capacità che poi non USA, è previsto che il gestore dell’infrastruttura possa imporle di rinunciare alla capacità se non è stata effettivamente utilizzata, per un periodo di almeno un mese, al di sopra di una soglia minima. Il gestore però non può imporre tale rinuncia se il ridotto utilizzo della capacità deriva da fattori di carattere non economico al di fuori del controllo dell’impresa ferroviaria, come incidenti o impedimenti tecnici (il gestore deve adoperarsi per ripristinare la situazione di normalità, provvedendo se fosse il caso a ritirare senza preavviso le tracce assegnate per il tempo necessario all’eliminazione delle situazioni di fatto), punendo quindi solo l’inefficienza o comportamenti strategici finalizzati ad ostacolare l’accesso alla rete ferroviaria da parte di altri vettori concorrenti.
di Elisabetta Pintus
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.