Skip to content

La “clausola di equivalenza” tra il cagionare e il non impedire l’evento

L’art. 40(2) c.p. pone tre problemi:
- tipologia di fattispecie suscettibili della estensione equiparatoria, nessuno nutre dubbi: solo quelle c.d. “casualmente orientate”, altrimenti dette “a condotta libera”.
- fonti dell’obbligo di impedimento idonee a fondare legittime posizioni di garanzia, va sempre più consolidandosi l’indirizzo che le individua esclusivamente in quelle formali e scritte, di rango legislativo o ad esso equiparabile.
- distinzione tra veri e propri obblighi di impedimento e semplici obblighi di agire a contenuto non impeditivo, si ha una sempre più diffusa tendenza, propria della giurisprudenza, a trasformare le seconde nelle prime.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.