Skip to content

La Teoria Quantitativa della moneta

Il collegamento tra le transazioni e la moneta si esprime attraverso la c.d. equazione quantitativa.
Moneta (M)  × velocità (V) = Prezzo (P) × Transazioni (T)
T = n° totale delle transazioni che si verificano in un determinato periodo di tempo (es un anno).
P = prezzo della transazione media
PT = quantità di moneta scambiata in un anno
M = quantità di moneta
V = velocità di circolazione della moneta rispetto alle transazioni; misura la rapidità con cui la moneta circola nell’economia.
L’equazione quantitativa è un’identità. Essa è utile perché dimostra che se una delle variabili varia, una o più delle altre devono necessariamente variare per mantenere l’uguaglianza.

Dalle transazioni al reddito. Gli economisti per semplificare tale equazione, sostituiscono T con il prodotto aggregato totale dell’economia Y. T e Y sono strettamente correlati: quanto più l’economia produce tanti più beni e servizi vengono scambiati, però non si tratta della medesima variabile.
M  × V = P × Y
PY = valore monetario del prodotto aggregato (PIL nominale)
Y = Pil reale
P = deflatore del PIL
V = velocità di circolazione della moneta rispetto al reddito.
di Alessia Chiovaro
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.