Skip to content

La creatività in pubblicità e gli approcci creativi

Una strategia dice cosa dire, ma sul come dà solo qualche indizio; il come è un’area lasciata, almeno in prima battuta, alla creatività.

In un recente saggio pubblicato dalla rivista americana Adweek si pongono le nuove condizioni per parlare al cinico consumatore di oggi: riuscire a passare sotto il suo radar e non essere fermati in anticipo. E’ relativamente facile farlo una volta, attraverso una provocazione o una scelta anticonvenzionale, diventa più difficile farlo per lungo tempo: occorre una campagna rilevante, originale e consistente nel tempo.

Possiamo distinguere due grandi categorie di messaggi a seconda che siano più indirizzati più alla testa o al cuore: i cosiddetti hard e soft selling. Il primo, atto a creare una risposta basata sulla logica, è razionale, informativo, diretto ed enfatizza i benefit e le reason why; il secondo, atto a creare una risposta basata sui sentimenti e gli atteggiamenti, è emozionante, sottile, coinvolgente ed enfatizza il brand character.

di Domenico Valenza
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.