Skip to content

La decolonizzazione in Algeria – Jeremy Black

Dopo l’esplosione della decolonizzazione nei tardi anni Quaranta vi fu un deciso tentativo di mantenere il potere imperiale da parte della Gran Bretagna e, in misura maggiore, della Francia. I francesi, dopo gli aspri conflitti con i movimenti nazionalisti indipendentisti, abbandonarono l’Indocina nel 1954. Un fallimento analogo li attendeva in Algeria che, per poter avere le giuste attenzioni, li costrinse a concedere l’indipendenza e a mettere fine al protettorato in Marocco.

Dopo le insurrezioni dell’FLN (Front de libération nationale) dal 1954 e il tentativo dei coloni di impadronirsi del potere ad Algeri nel 1960, ricondotti all’ordine da De Grulle, questi stesso ordinò di concludere una tregua con l’FLN. In seguito, l’OAS (Organisation Armée Secrète) lanciò una campagna terroristica contro gollisti e musulmani; il conflitto a tre provocò una vera e propria carneficina nel 1962. Nemmeno dopo l’indipendenza tuttavia il conflitto accennò a smettere, con la Fis che destabilizzò lo Stato governato dall’FLN seminando ancora terrore.

di Domenico Valenza
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.