Skip to content

La diffusione delle Tesi di Martin Lutero

La diffusione delle Tesi avvenne dunque inizialmente attraverso corrispondenze epistolari e comunicazioni personali; è certo però che esse si diffusero rapidamente nella Germania dove al gennaio del 1518 erano conosciute quasi dappertutto. Lutero si affrettò dunque a pubblicare due scritti destinati al pubblico assolutamente diversi nella stesura delle Tesi iniziali. Ora non ha più esitazione di fronte al grande successo popolare, non ha più esitazione su questa o quella tesi; e può accantonare la lingua latina ma non la formulazione perentoria, epigrammatica dei diversi punti che è propria di un tesario. Per questi due scritti Lutero aveva chiesto e atteso il placet del suo ordinario, il vescovo Hieronymus. Il primo è il sermone sull’indulgenza e sulla grazia, in tedesco, dove egli condensò una catechesi a livello popolare; lo scritto apparve nell’aprile del 1518 e solo in quell’anno vide 3 dizioni. Il secondo, le Resolutiones disputationum de indulgentiarum, indirizzato a un pubblico più colto, uscì nell’agosto dello stesso anno: vi si formulano le riflessioni teologiche delle tesi e insieme si spiegavano con due lettere aggiuntive, una al suo superiore diretto, l’altra a papa Leone X, le motivazioni di quel suo agire e parlare. Risulta così evidente che le tesi di Wittenberg non esprimevano la sfida di u teologo alla Chiesa, ma il sincero desiderio di porre rimedio allo scandalo delle indulgenze e giungere a un chiarimento qualificato su una questione di fede e di vita cristiana: indicavano in sostanza la necessità di una riforma.


di Alessia Muliere
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.