Skip to content

La distribuzione del reddito nazionale

Se tutte le imprese del sistema economico sono concorrenziali e massimizzano il profitto, ogni fattore di produzione è remunerato in modo corrispondente al suo contributo marginale al processo produttivo: il salario reale del lavoratori eguaglia il PML e la rendita reale del capitale eguaglia il PMK; il monte salari reale è perciò pari a PML × L e la rendita totale reale del capitale  a PMK × K.
Il reddito che rimane alle imprese dopo aver remunerato i fattori di produzione è il profitto economico, destinato ai proprietari delle imprese.
Profitto economico = Y – (PML × L) – (PMK × K)
Se vogliamo analizzare la distribuzione del reddito nazionale riscriviamo i termini dell’uguaglianza come: Y = (PML × L) + (PMK × K) + profitto economico
Il reddito aggregato si ripartisce tra remunerazione del lavoro, del capitale e profitto economico.
Se la funzione di produzione ha rendimenti di scala costanti, il profitto economico dovrebbe tendere allo zero. Una volta remunerati i fattori di produzione non rimane più nulla. Secondo il teorema di Eulero è possibile affermare che se la funzione di produzione ha rendimenti di scala costanti, allora:    
F(K, L) = (PML × L) + (PMK × K)
Se il profitto economico è teoricamente nullo, è possibile spiegare l’esistenza del profitto nell’economia reale in quanto la maggior parte delle imprese è proprietaria dei beni capitali che utilizza e poiché i proprietari del capitale e i proprietari delle imprese sono i medesimi individui spesso il profitto economico e la rendita del capitale sono indistinti. Questa definizione alternativa di profitto è denominata profitto contabile.
Profitto contabile = profitto economico + (PMK × K)
Ciascun fattore di produzione viene remunerato in base al prodotto marginale e la remunerazione dei fattori esaurisce il prodotto aggregato. Il prodotto aggregato si distribuisce tra la remunerazione del capitale e la remunerazione del lavoro, sulla base del rispettivo prodotto marginale.
di Alessia Chiovaro
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.